Donald Trumo by Garry Trudeau

Analizzare Trump

La notizia della vittoria di Donald Trump per me è stata uno shock. E pensare che ci scherzavo e ci ridevo fino a qualche settimana fa. Ho seguito la campagna elettorale americana fin dalle primarie. Quest’anno grazie ai social network e a YouTube l’ho vissuto come se fossi là, quasi come quella volta nel 2012 quando mi guardai il confronto Palin vs Biden dalla camera di albergo a Sacramento.

Ammetto di averla presa male, ma dopo qualche giorno me ne sono fatta una ragione. Mi sono detto che in fondo la mia adorata America ha avuto Nixon e i Bush, ce la faranno a superare anche Trump.

Però la cosa che mi ha fatto davvero saltare in nervi sono stati i commenti di alcuni miei “amici” di Facebook, gente di “sinistra” che esultava per la vittoria di “Orange Hitler”, roba da far accapponare la pelle.

Sono davvero uscito fuori di testa su Facebook, ho inondato la mia timeline di post rabbiosi e indignati. Questa è una selezione del peggio che sono riuscito a produrre in questi giorni. La metto qua a futura memoria.

La prima cosa che mi è venuta in mente dopo aver letto dei risultati in America sono state queste scene tratte dal film La Zona Morta di Cronemberg (giusto per farvi capire quanto la stavo prendendo bene).

La seconda cosa che mi è venuta in mente è stata questa:

Poi ho iniziato a leggere un po’ di dati e quello che ne è venuto fuori è stato davvero deprimente.

Poi sono iniziati ad arrivare i primi meme:

15002447_10154040527565980_3032393035273251559_o

Ron Burgundy la sapeva lunga

A metà della giornata sono iniziati ad arrivare i primi commenti italiani pro-Trump e io ho iniziato ad innervosirmi.

Ne ho viste di tutti i colori nelle 48 ore successive. Ad un certo punto ho scritto questo:

Il politico del partito populista che ci mette in guardia dal rischio del dilagare del populismo.

Il vice direttore del settimanale che adesso vuole le scuse dei giornalisti e dei media.

Il macellaio che ci spiega l’importanza di una dieta vegana.

Solo una è falsa.

Poi ho letto questo post:

“Ecco perché la vittoria di Trump ha un gran valore.
Il tempo dell’influenza mediatica sta per finire e ne abbiamo avuto una plateale dimostrazione!”

E ho iniziato a fare così:

(inspira, espira, inspira, espira)

(adesso mi viene un ictus)

(oppure l’ulcera)

(espira, inspira, chiudi gli occhi)

(ma si può essere così coglioni?!)

(espira, inspira…)

(no, vabbe’… coglioni è esagerato)

(inspira, trattieni il fiato, espira)

(non è nemmeno colpa loro, è che è difficile orientarsi)

(inspira)

(è che è un mondo complesso e le informazioni sono tante)

(espira)

(piano piano, tutto andrà a posto)

Per fortuna ho iniziato a trovare altri che la pensavano come me. Ad esempio sul blog di Chamberlain ho letto questo:

“I programmi – sì, lo so, i programmi – contano fino a un certo punto, ma sarebbe anche il caso di dire che il programma di Hillary Clinton era un programma liberal, e la sua sconfitta significherà un cambio radicale nei diritti di milioni di persone. Era un programma più liberal di quanto lei sia effettivamente, e leggere la serie di diritti che si impegnava a rafforzare, riconoscere, implementare e proteggere, in contrapposizione alla volontà di Trump di abolire, togliere e limitare, fa venire onestamente voglia di prendere a schiaffi chi oggi parla di grande vittoria contro il capitalismo, i poteri forti e le lobby. “

Oppure quando ho scoperto che Woody Guthrie nel 1950 viveva in un palazzo di Fred Trump, il papà di The Donald. Fred Trump non affittava casa ai neri, non gli piacevano e lui voleva solo bianchi. Guthrie scrisse questi versi contro il padre di Donald Trump

I suppose
Old Man Trump knows
Just how much
Racial Hate
he stirred up
In the bloodpot of human hearts
When he drawed
That color line
Here at his
Eighteen hundred family project

Adesso però mi sono calmato e sono pronto per l’apocalisse zombi.

15036613_10207956216718239_2757317449508841467_n

3 Pensieri su &Idquo;Analizzare Trump

  1. Pingback: Bikini e lo Zar, le due più grandi bombe mai esplose | trenta per cento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...