Tirare a canestro come una nonnina

Penso che ormai si sia capito che passo molto tempo da solo in macchina e che quando guido mi piace ascoltare qualche buon podcast.

Il podcast che sto ascoltando in questi giorni si chiama Revisionist History ed è prodotto e condotto da Malcolm Gladwell, un giornalista, saggista e sociologo diventato famoso grazie al suo libro The Tipping Point (in Italia tradotto come Il punto critico).

La terza puntata del podcast di Gladwell è dedicato a raccontare la storia di due giocatori della NBA e di come questi tiravano la palla a canestro.

I due giocatori si chiamano Wilt Chamberlain e Rick Barry e sono stati entrambi giocatori NBA tra gli anni ’60 e ’70.

Chamberlain è considerato tra i più grandi giocatori della storia del basket americano. Ha collezionato una serie di record incredibili come ad esempio il maggior numero di punti segnati in una singola partita: 100. Wilt Chamberlain era un gigante di 2 metri e 16. Spesso i giocatori così alti hanno seri problemi di coordinazione, ma Chamberlain era elegante ed aggraziato. Aveva dalla sua anche una percentuale incredibilmente alta di realizzazione di tiri liberi. Roba da non crederci, un gigante aggraziato e in grado di segnare da qualsiasi posizione.

Wilt però non era sempre stato così, il suo tiro non era mai stato tanto eccezionale fino a quando non aveva incontrato Rick Barry.

Barry non era un campione superdotato come Wilt, ma aveva dalla sua un carattere fortissimo e un animo da perfezionista. Barry insegnò a Wilt un modo diverso di tirare a canestro. Barry non sbagliava quasi mai un tiro a canestro perché  non tirava come tutti gli altri, lui usava una tecnica diversa: prendeva il pallone a due mani, allargava le gambe e lanciava il pallone dal basso verso l’alto. Rick Barry lanciava usando il Underhand Throw. E grazie proprio a questa tecnica che Wilt Chamberlain nel marzo del 1962 raggiunge i 100 punti in una singola partita, segnando 28 tiri liberi su 32.

giphy

Mani in basso

Il tiro dal basso é molto più preciso del tiro a mani alzate, l’atleta riesce a controllare meglio la traiettoria e ne viene fuori un tiro morbido e preciso che va a segno molto più facilmente. Chiunque abbia frequentato i campi da basket sa invece quanto sia complicato imparare a controllare la palla con le mani alzate, nel tipico gesto che i coach insegnano a tutti i giovani cestisti.

Però dopo aver raggiunto la vetta sportiva Wilt smise di usare il Underhand Throw e le sue statistiche si abbassarono, restò un campione, ma non raggiunse mai più le performance di quella sera del 2 marzo ’63.

Ma perché Wilt Chamberlain smise di usare la tecnica che gli aveva permesso di realizzare i suoi record?

Perché una persona intelligente e dotata come lui smise di fare l’unica cosa giusta da fare?

Malcolm Gladwell per spiegarselo chiama in causa il Threshold Model (modello delle soglie) del sociologo Mark Granovetter.

***

Nelle sue ricerche Grannovetter ha cercato di trovare una spiegazione ad un problema al limite tra psicologia e sociologia: perché alcune persone in determinati contesti si comportano in maniera opposta ai propri principi?

Un esempio tipico di questo problema è il comportamento di una folla durante una sommossa cittadina. In questo contesto persone normalmente pacifiche si rendono colpevoli di atti violenti: lo studente che lancia un sasso verso i celerini, l’impiegato che rompe una vetrina di un negozio.

Grannovetter racconta così nel podcast:

There was a lot of intellectual tradition that said that when people got into a crowd their independent judgment went out the window, and that they somehow became creatures of the crowd, and that there was some kind of miasma of irrationality that would settle over people. And they would act in ways that they would never act if they were by themselves or they weren’t influenced by the mob mentality.

In breve, e prima di Grannovetter la spiegazione più accreditata era quella della scomparsa del “giudizio” dei singoli quando questi si trovano in una folla. Una sorta di trasformazione da persona civile a membro di una massa irrazionale.

Il Threshold Model ha una spiegazione differente. Innanzitutto cerchiamo di definire cos’è una threshold/soglia e come si differenzia dai belief (che potremmo tradurre con opinioni o principi). Un belief è una caratteristica interiore, un punto di vista, un’opinione che abbiamo, un principio in cui crediamo con il cuore e con il cervello.

Una threshold è invece un parametro esterno ed è legato alla pressione che riceviamo dagli altri. La nostra threshold è il numero di persone che devono compiere lo stesso atto per convincerci a fare lo stesso. La threshold misura, ad esempio, il numero di persone minimo in una folla in rivolta che serve a convincerci ad unirci alla lotta e a lanciare pietre contro le forze dell’ordine.

99166386_france-large_transqvzuuqpflyliwib6ntmjwfsm8sv5nixqond2k-jcc_u

Un esempio di soglia superata

 

Il Threshold Model si basa su due principi:

  1. Threshold e Belief sono due cose diverse, ma a volte si possono sovrapporre.
  2. Il livello di Threshold di ognuno di noi è differente

Per spiegare il secondo punto torniamo alla nostra folla in rivolta per le strade. La soglia di un ragazzo di 20 anni affinché questo inizi a rompere vetrine potrebbe essere abbastanza bassa (diciamo una cinquantina di persone) mentre la soglia di una vecchietta di 70 anni potrebbe essere molto alta. La vecchietta potrebbe iniziare a lanciare sassi dalla finestra forse solo quando un buon 80% della popolazione sarà in rivolta.

***

Adesso torniamo alla nostra storia, a Wilt Chamberlain e alla sua stupida decisione di non fare più i lanci usando un Underhand Throw.

Wilt Chamberlain racconta nella sua autobiografia di essere stato ben consapevole che lanciando con le mani in basso otteneva i risultati migliori, Rick Barry gli aveva spiegato i pregi di quel modo di lanciare e Wilt era diventato la prova vivente che si potevano raggiungere degli incredibili record con quella tecnica, ma non se la sentiva di lanciare così perché si sentiva ridicolo.

Una persona del genere, il migliore giocatore della sua generazione, che mette a rischio la propria carriera per non “sembrare ridicolo”.

Wilt Chamberlain era l’unico giocatore della NBA a tirare in quel modo buffo, “come una nonnina” dicevano i suoi compagni, e perciò smise di lanciare con le mani in basso.

La soglia/threshold di Chamberlain era molto alta, aveva bisogno di un alto numero di compagni che lo seguissero per continuare a fare quei lanci ridicoli. Invece Rick Barry aveva una soglia nulla, era così convinto delle proprie idee, era così sicuro che i fatti gli avessero dato ragione, che non gli importò mai di ricercare l’approvazione dei suoi compagni e continuò per tutta la sua carriera a lanciare “come una nonnina”.

Rick Barry

Sapere di avere ragione

 

Rick Barry concluse la sua carriera con una percentule di realizzazione di tiri liberi del 97.4%

Wilt Chamberlain diventò uno dei peggiori realizzatori di tiri liberi di tutta la NBA.

Il record dei 100 punti del marzo 1963 e invece ancora imbattuto.

 

 

Tra le altre storie tratte da Revisionist History ci sono:
La storia della pittrice inglese che sparì,
La storia di una canzone di Leonard Cohen che è come un quadro di Cèzanne,
La storia di come gli americani non avevano capito la guerra in Vietnam.

(link al podcast)

(trascrizione della puntata)

(un articolo di Repubblica.it sugli unici due giocatori della NBA che oggi lanciano Underhand, uno dei due è il figlio di Barry)

 

2 Pensieri su &Idquo;Tirare a canestro come una nonnina

  1. Pingback: Hallelujah di Leonard Cohen è come un quadro di Cézanne | trenta per cento

  2. Pingback: Saigon 1965 | trenta per cento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...